Festivalguer è una manifestazione organizzata da

FOLLOW US HERE: 

  • Facebook nero tondo
  • Twitter Round nero
  • Instagram rotonda nera
  • YouTube rotonda nera

Alghero alla scoperta di mondi paralleli.

È "Un mondo, nessuno, centomila" il titolo della XVII edizione del Festivalguer, allestita da Expop Teatro e sostenuta dal Comune di Alghero, e dalla Fondazione Banco di Sardegna.

IL FESTIVAL

Mondi fantastici, mondi minuscoli, mondi onirici, mondi sensoriali, mondi emozionali, mondi invisibili, mondi apparenti. Per riassumerla in parafrasi “Un mondo, nessuno, centomila”, come recita il titolo della diciassettesima edizione di FestivAlguer, festival internazionale di arti performative in scena ad Alghero dal 5 al 14 dicembre. Quest’anno ExPopTeatro sonda i “mondi paralleli”, mettendo al centro gli spettatori e rendendoli protagonisti di performance in cui sono costantemente stimolati e portati all’interazione con gli artisti in scena. L’unica città italiana di identità, cultura e lingua catalana ospita un evento che, tra la Torre di San Giovanni, l’ex mercato della frutta e il teatro Civico, scandaglia attraverso il teatro, la musica, l’arte figurativa, la poesia, il linguaggio del corpo e i sensi – dal tatto al gusto – le molteplici dimensioni di una quotidianità fatta di strati non sempre sovrapponibili e perfettamente combacianti.

I PROTAGONISTI

All’interno di un programma denso e vario, che come sempre si propone di coinvolgere un pubblico eterogeneo per età e per attitudini, sono assoluti protagonisti i francesi di Cie/Créature. Diretta da Lou Broquin, la compagnia transalpina porta per la prima volta assoluta in Sardegna – e per la seconda in Italia – “Les Irréeels”.

Lo spettacolo si può definire come la realizzazione di un mondo fantastico, emozionante, tenero e onirico al tempo stesso. Un universo realizzato come se fossero tante piccole Wunderkamers, dislocate in tutta la città, all’interno delle quali il pubblico agisce in maniera simbiotica con gli artisti.

Altra protagonista di FestivAlguer 2019 è Monica Serra, che tra danza, video e suono sorprenderà i visitatori con l’installazione semovente “Oralità pastorale” -portando a spasso per il centro storico della città gli spettatori -e coinvolgerà nella residenza-laboratorio un gruppo di over 60 che al termine dell’esperienza porterà in scena lo spettacolo “Voce in movimento”,.

Il festival esplorerà il mondo parallelo del fumetto con “Burp”, la performance sonora e visuale dei Musica ex Machina col disegnatore Piercarlo Carella. Per tutta la durata del festival si potranno esplorare “Tutto il paese è mondo” di Davide Volponi e gli allestimenti della designer Daniela Usai, che delineeranno la mappa del festival e caratterizzano il “Mercatino vintage”, uno spazio dedicato a mondi che rischiano di non esserci più.

 

A completamento del viaggio verso dimensioni parallele sarà coinvolto anche il gusto: il giovane chef Francesco Pais dell’Osteria Mandras lentas di Alghero servirà una “Dark dinner”, una suggestiva cena completamente al buio, per fare provare al pubblico un’avventura culinaria sensoriale estrema.